Parcheggio all’Aeroporto di Verona: è conveniente?

Chi viaggia per lavoro o per piacere deve spesso lasciare la propria automobile nei parcheggi adiacenti all’aeroporto. Alcune strutture aeroportuali offrono un servizio completo, il quale si rivela ancor più ricco nelle proposte di tanti parcheggi privati che affollano l’area circostante. Non stupisce sapere dunque che l’aeroporto Valerio Catullo di Villafranca di Verona sia una struttura dotata di numerosi parcheggi esterni e forte di un parcheggio interno all’aeroporto di ottimo spessore.

Per rispondere alle esigenze dei viaggiatori, il parcheggio dell’aeroporto Valerio Catullo offre quattro tipologie di sosta. La prima è la normale sosta medio lunga, che permette di parcheggiare gratuitamente per dieci minuti, quindi solo per l’imbarco e lo sbarco dei passeggeri, e che raggiunge soluzioni illimitate nei giorni di sosta complessivi.

La seconda soluzione è dedicata a chi sceglie di parcheggiare il veicolo nell’area interrata e si chiama P4bis, mentre la terza, P2 e P1, permette di contare su un parcheggio premium coperto e ricco di servizi aggiuntivi. All’aeroporto Valerio Catullo è possibile parcheggiare anche in modalità low cost, con P Low Cost che permette di lasciare l’auto o il veicolo allo scoperto nel grande parcheggio adiacente all’aeroporto. Alle proposte si associa anche lo Stop & Go, una tariffa conveniente che permette di parcheggiare per massimo tre ore pagando lo stesso importo orario, ovvero tre euro all’ora.

I vantaggi degli infissi in PVC rispetto alle altre tipologie di serramenti

Gli infissi in PVC hanno avuto una grande diffusione, dovuta a molteplici fattori che hanno contribuito in maniera determinante al loro successo.

I principali vantaggi che questa tipologia di infissi assicurano sono i seguenti:

 

prezzo, un infisso in PVC, a parità di rifiniture, costa sicuramente molto meno di altre tipologie di infissi, garantendo un risparmio che in diversi casi è considerevole, la produzione su larga scala ha contribuito a rendere ampio questo divario;

telaio di dimensioni contenute, necessita di poco spazio per essendo installato, restringendo leggermente il vano in cui viene inserito senza bisogno di dovere imbarcarsi in opere murarie;

manutenzione ridottissima, agli infissi in pvc non occorrono trattamenti particolari, il materiale di cui sono composti si pulisce facilmente senza problemi;

elevata resistenza alle variazioni climatiche, sopportano qualsiasi clima e condizione meteorologica, non temono sole, vento o gelo;

ottimo isolamento termico, essendo il PVC uno dei migliori materiali sotto questo punto di vista, e da questo fatto deriva una sostanziale riduzione nei consumi energetici negli ambienti dove è utilizzato come infisso;

eccellente isolamento acustico, grazie alla particolare costruzione, un infisso in PVC garantisce una quasi totale riduzione dell’inquinamento acustico esterno, garantendo prestazioni imbattibili in questo ambito;

impermeabilità totale, un infisso realizzato in PVC non teme l’acqua e l’umidità, la sua costruzione viene saldata e resa stagna, diventando un corpo unico dove non ci sono spazi per il passaggio di liquidi;

– alta possibilità di personalizzazione, un infisso in PVC può essere realizzato in qualsiasi forma e con opportune applicazioni di apposite pellicole, si ottiene persino l’effetto visivo del legno.

Aspetto fisico perfetto: sveliamone i segreti

Avere un aspetto fisico perfetto è il sogno di molte persone, riuscire ad ottenerlo e soprattutto mantenerlo nel tempo non è una cosa facile, bisogna essere armati di pazienza e soprattutto costanza. Gli unici alleati per ottenere una forma perfetta sono la dieta bilanciata e l’attività fisica. Seguire una corretta alimentazione è fondamentale perchè assumere la giusta quantità di calorie permette di non aumentare di peso, le calorie in eccesso si trasformano in grasso e in chili di troppo. L’attività fisica invece permette di bruciare una parte delle calorie assunte con il cibo, allenare l’apparato cardio circolatorio, i polmoni e tonificare i muscoli, regalando così al corpo un aspetto più tonico e atletico. Lo sport deve essere praticato con costanza, almeno due volte la settimana, è possibile praticarlo anche all’aria aperta, ad esempio correndo per almeno 40 minuti nel parco, oppure andando in bicicletta e abbinando poi una serie di esercizi a corpo libero, come addominali, glutei, dorsali ecc.

Alimentazione bilanciata

Seguire un’alimentazione bilanciata significa prendersi cura del benessere del proprio corpo, un regime alimentare corretto non deve essere considerato un rimedio per perdere peso magari in previsione di un evento speciale, ad esempio una serata in una delle meravigliose discoteche roma, ma deve essere considerato una dieta alimentare da seguire sempre. Di seguito sono illustrati alcuni consigli utili per trasformare la propria alimentazione in una dieta bilanciata.

  • Mangiare 50 gr di pasta o riso una volta al giorno, preferibilmente di origine integrale, ricca di fibre e con un elevato potere saziante.
  • Bere almeno due litri di acqua naturale al giorno.
  • Consumare la carne rossa, come il manzo una volta la settimana, privata delle parti grasse e cucinata con metodi di cottura leggeri, ad esempio alla piastra.
  • Mangiare la carne bianca, come coniglio, tacchino, pollo e maiale due volte la settimana.
  • Utilizzare con moderazione il sale, alleato della ritenzione idrica.
  • Utilizzare un cucchiaio di olio extra vergine di oliva ad ogni pasto, è possibile rendere i cibi saporiti e gustosi con le spezie, come il peperoncino, il curry, il pepe, il rosmarino, il coriandolo ecc. e con il succo di limone o l’aceto.
  • Consumare due porzioni di uova la settimana.
  • Mangiare il pesce cinque volte la settimana, prediligendo quello magro, come la sogliola, l’orata, il merluzzo, la spigola, il pesce spada, il nasello, le alici, il tonno ecc.
  • Mangiare i legumi due volte la settimana.
  • Consumare cinque porzioni di frutta e verdura ogni giorno.
  • Mangiare i formaggi due volte la settimana.

 

seo

L’article marketing fa ancora oggi parte di una buona strategia seo

Vi sarà sicuramente capitato, bazzicando i forum di marketing, di imbattervi in un gran numero di thread che preannunciavano la fine dell’Article Marketing nell’era post Panda. Gli ultimi aggiornamenti dell’algoritmo di Google hanno alterato le regole di una buona SEO. Dal momento che Google possiede una quota di mercato compresa tra il 60% e il 70%, è comprensibile che le modifiche al modo in cui vengono classificati e misurati i contenuti abbiano un diretto impatto nel condizionare le strategie di marketing. Anche se Google ha cambiato le regole del gioco, l’article marketing fa ancora oggi parte di una buona strategia SEO. Vediamo perché.

Che cos’è l’article marketing

Fino a poco tempo fa, venivano ripetutamente raccomandate diverse tecniche per un’efficace strategia SEO: fattori on page, qualità dei contenuti, frequenza degli aggiornamenti e link building attraverso una varietà di tattiche come il social bookmarking e l’article marketing. Quest’ultimo è particolarmente interessante perché unisce diversi elementi della SEO. L’article marketing è essenzialmente la pratica di scrivere articoli corposi, solitamente composti da più di 500 parole, che hanno lo scopo di migliorare la reputazione di un brand o di una persona, di generare traffico verso il proprio sito e di aumentare la link popularity. Questi articoli, indicizzati per i motori di ricerca, vengono pubblicati su canali diversi da quelli ufficiali, come portali appositamente creati a questo scopo, ma anche su blog e riviste onl
ine specializzate. In cambio del contenuto, potete inserire uno o due link che indirizzano al vostro sito, in modo da aumentare il traffico web.

Continua la lettura di L’article marketing fa ancora oggi parte di una buona strategia seo

Battesimo: che cosa si regala in questa occasione? Pratici consigli su che cosa regalare ad un battesimo

Il battesimo del figlio di un parente o di un vostro caro amico si avvicina e non sapete bene come organizzarvi per il regalo? Per prima cosa, l’entità del regalo di battesimo dipende dal tipo di rapporto che avete con i familiari del battezzato. Ovviamente, dovrete considerare se si tratta di un maschio o di una femmina e regolarvi di conseguenza, tenendo conto del vostro budget e dei vostri gusti.

Se siete stati proposti come madrine o padrini di battesimo, ci si aspetta che, rispetto agli altri invitati, facciate un dono più sostanzioso, anche in termini di costo. La tradizione prevede che venga regalato un gioiello in oro o in argento che rappresenti un ricordo indelebile di questo lieto giorno negli anni a venire. Molto gettonati sono i rosari a collana o da polso, le catenine con targhetta su cui fare incidere il nome del battezzato e la sua data di nascita e le collane con ciondolo a forma di angioletto porta-fortuna. Alternative altrettanto di classe possono essere i salvadanai in ceramica finemente decorata ed i portafoto in argento, soppiantati negli ultimi anni dalle cornici digitali. I regali classici, comunque, sono sempre i più apprezzati. Continua la lettura di Battesimo: che cosa si regala in questa occasione? Pratici consigli su che cosa regalare ad un battesimo

Capodanno al Piper: organizzare una festa in grande stile

Si sta avvicinando il giorno del vostro diciottesimo compleanno o, più semplicemente desiderate organizzare una serata con i vecchi compagni del liceo, e volete che sia una serata in pieno stile “capodanno Piper”, con tanto di luci, musica da discoteca e un’atmosfera che la renda indimenticabile?

Una delle scelte più comuni per pianificare questi eventi è sicuramente la scelta di una location come la discoteca, una ad esempio importante e storica come appunto il  Piper a Roma o l’Hollywood a Milano: musica, bell’ambiente e clientela selezionata. Anche per organizzare questo tipo di serata, ovviamente ci sono delle accortezze e il tutto va pianificato a dovere.

Continua la lettura di Capodanno al Piper: organizzare una festa in grande stile

Prime recensioni americane

Gli Stati Uniti hanno accolto a braccia aperte l’arrivo dell’iPhone SE: le recensioni sembrano essere unanime e sottolineano come questo smartphone sia perfetto per garantire in uno spazio ridotto la massima potenza. Viene descritto come elegante, maneggevole e semplice da gestire: per il The Independent è addirittura definito come il dispositivo Apple migliore in circolazione con queste dimensioni. Un altro aspetto importante che è stato sottolineato negli States è proprio la batteria, la cui durata supera di gran lunga quella di iPhone 5s e 6s. E’ stato infatti spiegato che l’SE offre due ore di durata in più rispetto al 6s e addirittura 3 ore in più rispetto a un Galaxy S7.

Non può dunque essere considerato un modello innovativo dal punto di vista del design, ma è il suo contenuto a renderlo unico nel suo genere: talmente veloce da essere diventato subito un prodotto top di gamma, senza alcun dubbio. In America questo cellulare costerà appena 399 dollari, un costo che massimizza il rapporto tra qualità e prezzo.

maturita

Maturità, ecco le materie per le prove d’esame

Cambiano i tempi e anche l’esame di maturità diventa social. Nell’epoca infatti del web 2.0, dove i Presidenti del Consiglio e le grandi aziende comunicano con i cittadini a colpi di Twitter, qualcuno gli spieghi che la maggior parte delle persone usa Facebook ma va bene uguale, anche il Ministro per l’Istruzione Giannini ha scelto proprio il social creato da Zukcherberg per annunciare le materie oggetto della seconda prova d’esame di maturità che si terrà nel prossimo giugno e che cambiano da istituto a istituto.

Continua la lettura di Maturità, ecco le materie per le prove d’esame

Cinema 2015, aumentano le presenze ma l’Italia fatica

Meno male che c’è lui. Se nel 2015 sono aumentate le presenze nei cinema italiani non si può dire che sia stato per merito delle pellicole nostrane. Il dato di fondo è più che positivo, ovvero che gli italiano hanno riscoperto il piacere di andare al cinema, visto che rispetto al 2014 c’è stato un aumento del 8,56%, un grosso miglioramento. In totale nell’anno che ci siamo appena messi alle spalle il totale dei biglietti vedute nelle sale del bel paese sono stati 99.362.667. Aumentano i biglietti e gongolano quindi anche gli incassi, che sono stati in totale 637.265.704 Euro, il 10,78% in più rispetto il 2014. Non male per un settore da tutti dato in crisi. Detto delle buone notizie passiamo a quelle meno belle, ovvero i risultati dei film made in Italy, dove le cose sono andate decisamente male.

Si salva solo Siani

Per trovare il primo film italiano infatti dobbiamo scendere fino all’ottava posizione, con il sorprendente Alessandro Siani ed il suo Si Accettano Miracoli, che ha incassato in totale 15.474.263 euro, davvero un ottimo risultato. Per il resto solo tante delusioni. Per trovare tracce di Italia bisogna scorrere fino alla sedicesima posizione col cinepanettone di De Sica Vacanze ai Caraibi, seguito da Natale col Boss diciassettesimo e l’ultima fatica di Sorrentino Youth diciannovesimo. Primi nella classifica due film d’animazione, ovvero Inside Out che ha incassato 25.343.003 di euro, seguito da Minions con 23.434.198 di euro. Terza posizione per uno dei film più attesi dell’anno che è andato molto bene con 20.195.072 di euro incassati da Star Wars: il risveglio della forza

 

Riscatto Zalone

Non fa parte della classifica naturalmente Quo Vado di Checco Zalone, che è uscito il primo gennaio, che sta battendo ogni record d’incassi. Nel 2015 hanno deluso molto al botteghino Nanni Moretti, anche se la sua opera ha riscosso il parere positivo della critica, e Muccino Jr che con Le Leggi del Desiderio alla fine ha incassato poco più di 500.000 Euro. Zalone ha dato una scossa ad un cinema italiano che fa fatica a trovare nuove idee, soprattutto nelle commedie. Ormai ci si è cristallizzato troppo nei soliti luoghi comuni, il ricco milanese che va in crisi oppure il deputato beccato in una tresca amorosa in un day use hotel Roma. Una volta eravamo i maestri della risata ma ora facciamo fatica. Ora usciranno la prima opera dei giovani The Pills e il nuovo di Verdone in coppia con Antonio Albanese, speriamo in altre gradite sorprese.

Elio e le Storie Tese, spettacolo assicurato a Sanremo

Sono sulle scene ormai da più di trent’anni ma non sembrano affatto sentire del passare del tempo. Stiamo parlando della band milanese Elio e le Storie Tese, fondata nel lontano 1979 da Stefano Belisari, in arte appunto Elio. Il resto del nome probabilmente è da ricercare in un verso della canzone Eptadone degli Skiantos, storica punk band bolognese. Una carriera lunghissima e camaleontica, vissuta sempre da protagonisti e sulla cresta dell’onda. Fondamentale infatti è stato, sia per Elio ma anche per altri membri come il bassista Faso o il tastierista Rocco Tanica, la crossmedialità avuta, uscendo spesso dal mondo della musica in senso stretto per abbracciare il mondo dello spettacolo e della televisione. E’ entrata probabilmente nel mito della televisione italiana la loro collaborazione con Mai Dire Gol della Giallapa’s Band dove, oltre a realizzare ogni anno indimenticabili sigle, spesso si prestavano anche loro ad autentici skatch comici. Poi venne anche la collaborazione con diverse radio fino al programma cult di Canale Cinque Zelig. Il tutto sempre non dimenticando il loro vero mestiere, ovvero quello di essere degli ottimi musicisti che hanno vinto il disco d’oro in Italia per ogni album realizzato e facendo concerti evento che sono rimasti nella storia.

 

Di nuovo Sanremo

 

Con gli anni invece di rallentare invece hanno accelerato. Elio ormai è diventato un volto di primo piano della televisione italiana grazie alla sua partecipazione come giudice al talent di Sky X Factor. Ora poi il gruppo si appresta a partecipare per la sua terza volta al Festival di Sanremo. In entrambi i casi finora, sia nel 1997 con La Terra dei Cachi e nel 2013 con la Canzone Mononota, il gruppo ha vinto il Premio Mia Martini della critica, mentre la loro speranza è quella di riuscire finalmente a trionfare nella competizione presentando il brano Vincere l’Odio.  Fece scalpore e rimase la storia la loro prima esibizione sul palco del teatro Ariston, dove si presentarono vestiti da marziani. Del resto dal vivo loro sono sempre uno spettacolo nello spettacolo, ma questo avviene anche nei loro video. Come dimenticare infatti Spalman dove alla fine sembrava quasi di essere in una delle feste in bus Roma, oppure i comici Tapparella e Servi della Gleba. Insomma, ci sarà di sicuro da divertirsi.