I droni e la normativa di riferimento

Conoscere quale sia il regolamento che disciplina l’utilizzo dei droni, oggi, è molto importante, dal momento che tali dispositivi sono piuttosto diffusi nei contesti più disparati. I droni, come noto, sono dei velivoli privi di conducente, e sono anche conosciuti come aeromobili a pilotaggio remoto, nonché come APR. Storicamente, i droni sono stati utilizzati esclusivamente in contesti militari: già nella Prima Guerra Mondiale, infatti, questi dispositivi erano adoperati per monitorare dei territori, oppure per controllare eventuali avanzate nemiche. I droni dell’epoca, ovviamente, non possono essere paragonati a quelli odierni: i droni largamente impiegati nei contesti più disparati, infatti, presentano oggi delle strutture piuttosto leggere, e si caratterizzano per una maneggevolezza davvero massima.

I droni sono oggi utilizzati per la produzione di video panoramici, nel mondo della cinematografia, per controllare determinate aree, per verificare la condizione di campi adibiti a coltura, solo per fare gli esempi principali. I prezzi medi dei droni, peraltro, si sono notevolmente ridotti, anche per tale motivo sempre più persone hanno scelto di acquistare un drone impiegandolo per scopi professionali o per puro diletto. Ma quali sono le normative che regolamentano l’utilizzo dei droni? E’ molto importante essere a conoscenza di tali aspetti, anche in considerazione del fatto che queste normative si sono perfezionate soltanto in tempi recenti, vista la così grande diffusione di questi strumenti.
L’ente che disciplina l’utilizzo dei droni è l’ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile; i droni, infatti, sono a tutti gli effetti dei mezzi aerei, per quanto il loro pilotaggio avvenga da remoto.

Qualora si avesse bisogno di rivolgere delle richieste dirette, dunque, è questa l’istituzione a cui fare riferimento, ad ogni modo è certamente possibile fornire un quadro, se pur generale, delle possibilità di utilizzo dei droni in ambito civile. I droni comunemente diffusi in ambito civile rientrano nella categoria “aeromodelli”, dunque dei mezzi impiegati per scopi personali o ricreativi (o giocattolo come i droni parrot); droni impiegati per operazioni aeree specializzate, come quelli in dotazione alle forze di polizia, sono invece definiti Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto, noti con la sigla SAPR. I mezzi SAPR sono a loro volta distinti in modelli con massa minore di 25 Kg e con massa pari o superiore a 25 Kg: nel primo caso, i mezzi possono essere adoperati dall’utente tramite una semplice autocertificazione, nel secondo invece è necessaria un’apposita autorizzazione dell’operatore aereo, anche nel caso in cui il volo previsto non sia particolarmente critico. Modelli di tali dimensioni, infatti, potrebbero potenzialmente creare dei disturbi a voli aerei di qualsiasi tipologia.

I droni e la loro storia: come sono stati utilizzati, in genere, questi dispositivi?

I droni, come noto, sono dei velivoli leggeri e di piccole dimensioni, i quali sono in grado di elevarsi in volo in modo molto agevole attraverso un semplice comando da remoto.
I droni, anche conosciuti con la sigla APR, nonché come aeromobili a pilotaggio remoto, non sono una creazione recentissima, tuttavia è soprattutto negli ultimi tempi che la loro diffusione è divenuta capillare, sia perché si sono effettuate delle migliore tecniche davvero considerevoli, sia perché i prezzi medi si sono notevolmente abbassati, dunque chiunque può assicurarsi un drone di qualità spendendo una cifra assolutamente ragionevole.

Se si parla della storia dei droni, dunque dell’utilizzo che, tradizionalmente, ha contraddistinto questi dispositivi, non si può assolutamente non far riferimento al loro impiego in ambito militare: gli APR, infatti, sono degli strumenti assolutamente perfetti per molteplici esigenze di carattere militare, consentendo di monitorare dall’alto aree più o meno vaste senza impiegare elicotteri o aerei, e soprattutto senza esporsi al rischio di attacchi nemici. L’impiego dei droni in ambito militare è davvero molto antico: i primi velivoli privi di pilota, per quanto fossero profondamente differenti da quelli odierni, comparvero infatti nella Prima Guerra Mondiale; nella Seconda Guerra Mondiale, inoltre, il loro utilizzo fu piuttosto massiccio.

Anche nelle epoche seguenti l’utilizzo militare dei droni è stato molto corposo, ed ovviamente gli eserciti mondiali hanno colto in modo ottimale le opportunità garantite dai progressi tecnologici relativi a tale ambito. E’ solo in tempi molto recenti, invece, che l’utilizzo dei droni è diventato largamente diffuso anche a livello civile; attorno all’anno 2000, infatti, hanno iniziato a diffondersi sul mercato molti tipi di droni piuttosto economici, ma allo stesso tempo molto versatili ed efficienti.

L’impiego dei droni, dunque, non ha assolutamente tardato a diffondersi: l’utilizzo di questi dispositivi è divenuto vasto soprattutto nell’ambito della cinematografia, nonché nella produzione, sia professionale che amatoriale, di video panoramici, magari da condividere online; i filmati che si possono realizzare utilizzando un drone giocattolo, in effetti, sono assolutamente unici.Allo stesso tempo, l’utilizzo dei droni è molto frequente in tutte le attività finalizzate la controllo di un determinato territorio, ovvero ad esempio nell’ambito dell’agricoltura: utilizzando un drone è possibile visionare in modo estremamente pratico anche delle aree piuttosto vaste. Non si può trascurare, inoltre, l’odierna diffusione dei droni nei corpi di polizia e di protezione civile, soprattutto per effettuare delle operazioni di salvataggio.

Quali attività consente di svolgere il software per avvocati?

Scegliere un buon software per avvocati è un’esigenza che accomuna tutti i professionisti operanti in questo settore. Un buon programma informatico professionale di questo tipo, oltre ad essere assolutamente indispensabile per molti diversi adempimenti, può rendere molto più agevoli le quotidiane attività professionali che riguardano l’avvocato, e può consentire dunque di gestire in modo semplice ed efficace tutti gli aspetti relativi alla professione.

Bisogna sottolineare, a tal riguardo, che l’importanza dei software per avvocati è cresciuta ulteriormente negli ultimi anni: una recente legge, infatti, ha stabilito che la trasmissione ai tribunali degli atti civili deve essere eseguita esclusivamente tramite Internet. Esattamente è dal 30 giugno 2014 che per tutti gli avvocati vige questo nuovo obbligo, ed è certamente molto importante che gli studi che operano in questo settore si dotino di programmi efficienti per poter operare secondo questa nuova modalità.
Mentre, in precedenza, la trasmissione degli atti ai tribunali avveniva esclusivamente in modo cartaceo, oggi si è introdotta questa legge che ha istituito il cosiddetto Processo Civile Telematico.

Il Processo Civile Telematico è finalizzato a rendere il lavoro degli avvocati molto più snello e più agevole, tuttavia, come tutte le innovazioni di rilievo, richiede un adeguamento da parte dei professionisti, i quali devono essere in grado, quindi, di operare esclusivamente per via telematica. Non ci sono davvero dubbi sul fatto che un buon software per avvocati debba consentire al professionista di poter inviare questi documenti in modo semplice e agevole, ma ovviamente il programma informatico in questione non deve limitarsi a questo. E’ altrettanto importante, infatti, che un buon software per avvocati affianchi questi professionisti in moltissimi altri tipi di attività.

Un buon software di questo tipo deve offrire, anzitutto, una gestione documentale assolutamente completa e poliedrica: il professionista deve essere in grado, utilizzando il software, di creare, organizzare e condividere documenti di ogni tipologia, che si tratti di atti o di fatture. Allo stesso tempo, questi software devono tornare utili al professionista che li utilizza anche dal punto di vista del calcolo delle parcelle: stabilendo determinate tariffe orarie per vari tipi di consulenze, infatti, il professionista deve avere la possibilità di calcolare il costo complessivo della singola consulenza specificando semplicemente il numero di ore dedicate al cliente e le attività svolte. Non meno importante è, inoltre, l’aspetto contabile: un buon software per avvocati deve offrire a questi professionisti la possibilità di registrare spese, acconti ed anticipazioni con pochi semplici click.

In che modo funziona Frenico?

Dovete assolutamente pubblicare la saga fantasy appena finita di scrivere e non sapete in che modo valorizzare le richieste dei lettori? Tutte le persone che vi seguono si aspettano di poter comprare il vostro libro in versione digitale, non vorrete mica deluderli vero? Scegliere le piattaforme di self publishing non è facile, tutti promettono popolarità e vendita ma in realtà cosa accade seriamente? Spesso le prese in giro sono innumerevoli e la maggior parte delle persone illude gli aspiranti scrittori. Frenico è la piattaforma di successo del momento, per utilizzare questi servizi, non dovrete far altro che registrarvi gratuitamente al sito e accedere alla sezione riservata, ora è il momento di agire e di lasciarsi avvolgerà dalla novità.

Il romanzo o la saga, potrà essere caricata direttamente online con un clic e solo in quel momento, potrete scegliere di integrare gli eventuali servizi aggiuntivi di cui necessitate. Non siete obbligati se non avete bisogno di nulla, lo staff di Frenico si occuperà della pubblicazione del libro digitale all’interno di tutte le librerie digitali disponibili su Frenico.com. Sarete voi a scegliere il prezzo della copertina con un punto di partenza pari a 0,99 euro con inva inclusa. Se all’inizio non siete convinti e vi piacerebbe ottenere maggiori incassi, potete sempre valutare la modifica del prezzo sull’ebook oppure di bloccarne direttamente la pubblicazione.

Il servizio online è davvero fantastico, immediato e pronto a proporvi tutto quello che avete sempre desiderato, di conseguenza assicuratevi di poter pubblicare anche un ebook per conto di un’altra persona, magari un vostro collaboratore che non ha tempo di farlo. Frenico permette permette di farlo senza e anche senza problemi, offrendo anche un’analisi del testo per l’approvazione definitiva. Infatti, un team di analisti sarà pronto a fornirvi tutte le informazioni e soprattutto a leggere il vostro testo per ritenerlo valido. Attenzione ai file scritti in WORD, se non siete in grado di effettuare la conversione, Frenico se ne occuperà per voi con un costo di 0,50 centesimi a cartella editoriale pari a 1800 battute.

Un servizio dinamico e pronto ad ottenere dettagli da ogni tipo di utente, non dovete avere il terrore di non essere all’altezza, avete scritto un testo e siete pronti per pubblicarlo, provate a meno a presentarlo. Molti nostri autori non pensavano di essere confermati per la pubblicazione di ebook, eppure ora si trovano ai primi posti della classifica di vendita nella maggior parte degli store online.